Università, scuole e college negli Pisa in Italia

Le migliori Scuole e università negli Pisa in Italia 2018/2019

Università e business school di Pisa. Trovate tutte le informazioni circa le migliori università in classifica a Pisa qui, e contattarli direttamente!

3 Risultati in Pisa

Università di Pisa - Dipartimento di Economia e Management

Italia Pisa October 2018

L'Università di Pisa (già Università degli Studi di Pisa) è una delle più antiche e prestigiose università italiane e tuttora mantiene una dimensione importante, soprattutto rispetto al numero di abitanti della città che l'ospita, insieme ad altre istituzioni universitarie, come la Scuola Normale Superiore di Pisa e la Scuola Superiore Sant'Anna, con le quali comunque ha stretti rapporti sia in termini di docenti che di servizi in comune. L'Università di Pisa è l'unica universi… [+] tà europea a far parte della Universities Research Association, consorzio di università prestigiose, principalmente statunitensi. Nel 2011 l'Università di Pisa si è piazzata al primo posto tra le università italiane, secondo l'Academic Ranking of World Universities.In tempi recenti, è stata la prima Università italiana ad avere un corso di laurea in Scienze dell'Informazione. Con il nuovo statuto, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 55 del 6 marzo 2012, l'università ha sostituito all'articolazione in dodici facoltà (Agraria, Economia, Farmacia, Giurisprudenza, Ingegneria, Lettere e Filosofia, Lingue e Letterature straniere, Medicina e Chirurgia, Medicina veterinaria, Scienze matematiche, fisiche e naturali e Scienze politiche), quella in venti dipartimenti. [-]


University of Pisa Summer & Winter Schools

Italia Pisa October 2018

L'Università di Pisa è un'istituzione pubblica che vanta venti dipartimenti , con centri di ricerca di alto livello nei settori dell'agricoltura, dell'astrofisica, dell'informatica, dell'ingegneria, della medicina e della medicina veterinaria. Inoltre, l'Università ha stretti rapporti con gli Istituti Pisani del Consiglio Nazionale della Ricerca , con molte istituzioni culturali di rilevanza nazionale e internazionale, e con l'industria, in particolare quella dell'Information Te… [+] chnology , che ha attraversato una fase di rapida espansione a Pisa durante il Diciannove anni Sessanta e Settanta.L'Università di Pisa fu istituita ufficialmente nel 1343 , anche se alcuni studiosi sostengono che la sua origine risale all'XI secolo.Le prime testimonianze di uno "Studium" pisano risale al 1338 quando il noto giurista Ranieri Arsendi si trasferì a Pisa da Bologna. Insieme a Bartolo Da Sassoferrato , docente di diritto civile, è stato pagato dal Comune per insegnare lezioni pubbliche.La bolla papale " In supremae dignitatis ", concessa da Papa Clemente VI il 3 settembre 1343, riconobbe lo "Studium" di Pisa come " Studium Generale "; un'istituzione di ulteriore formazione fondata o confermata da un'autorità universale, il Papato o l'Impero. Pisa fu una delle prime università europee a poter vantare questa attestazione papale, che garantiva il valore legale universale delle sue qualifiche educative.I primi argomenti insegnati erano: teologia, diritto civile, diritto canonico e medicina. Nel 1355 Francesco Da Buti , il noto commentatore della Divina Commedia di Dante, iniziò a insegnare allo "Studium".Pisa e il suo "Studium" subirono un periodo di crisi intorno al volgere del XV secolo: la conquista della città da parte dei fiorentini rovinò la sua vita economica e sociale. In effetti, vi è una mancanza di prove documentali del funzionamento regolare dell'università per decenni.Nel 1473, grazie a Lorenzo dei Medici , lo Studium pisano riprese il suo sviluppo sistematico e la costruzione di un edificio per tenere lezioni fu prevista nel 1486. ​​L'edificio - in seguito noto come Palazzo della Sapienza - era situato in la trecentesca Piazza del Grano. L'immagine di un cherubino fu collocata sopra la Porta "Dell'Abbondanza", che portava in Piazza, ancora oggi il simbolo dell'Università .In seguito alla ribellione contro Firenze nel 1494 e alla successiva guerra, lo Studium pisano subì un declino e fu trasferito a Pistoia, Prato e Firenze. La riapertura cerimoniale dell'Università, il 1 novembre 1543, sotto il dominio del duca Cosimo I dei Medici , fu considerata come una seconda inaugurazione. La qualità dell'università fu promossa dallo statuto del 1545 e l'Ateneo pisano divenne uno dei più importanti in Europa per l'insegnamento e la ricerca. La cattedra di "Semplici" (Botany) è stata tenuta da Luca Ghini , fondatore del primo Orto Botanico del mondo, succeduto da Andrea Cesalpino , pioniere della prima metodologia scientifica per la classificazione delle piante ed è considerato un precursore nella scoperta della circolazione sanguigna . Gabriele Fallopio e Marcello Malpighi hanno tenuto conferenze in Anatomia e Medicina.Galileo Galilei, nato e studiato a Pisa, divenne professore di matematica allo Studi Pisano nel 1589.Il ruolo dell'Università come istituzione di stato divenne sempre più accentuato durante il periodo granducale dei Medici. Una politica protezionistica assicurava un nucleo consistente di studiosi e insegnanti: le leggi emanate da Cosimo I, Ferdinando I e Ferdinando II obbligavano coloro che intendevano ottenere una laurea per frequentare lo Studium di Pisa. Questo periodo vede varie figure illustri tenere conferenze a Pisa, specialmente nel campo del diritto e della medicina .Lo sviluppo dell'università continuò sotto i Lorena. Completarono la costruzione dell'osservatorio astronomico (un progetto iniziato dai Medici), arricchendo la Biblioteca Universitaria con importanti pubblicazioni, sviluppando il Giardino Botanico e il Museo di Scienze Naturali e stabilendo nuove sedie, come Fisica e Chimica Sperimentale.L'annessione della Toscana all'impero napoleonico portò alla trasformazione dello Studium in un'Accademia imperiale: l'Ateneo divenne una succursale dell'Università di Parigi e i corsi e i programmi di studio furono strutturati seguendo il modello di educazione pubblica francese. Sono state istituite cinque nuove facoltà (Teologia, Giurisprudenza, Medicina, Scienza e Letteratura), oltre a esami, titoli di qualifica diversi e tesi di laurea. Nel 1813 fu istituita la " Scuola Normale Superiore " come succursale dell '"Ecole Normale de Paris".La Restaurazione non fu in grado di cancellare gli effetti dell'esperienza napoleonica. Il primo congresso degli scienziati italiani si tenne a Pisa nel 1839 . 421 scienziati e oltre 300 esperti di varie discipline hanno discusso di zoologia, anatomia comparata, chimica, fisica, matematica, agronomia, tecnologia, botanica, fisiologia vegetale, geologia, mineralogia, geografia e medicina.Nel 1839 - 1840 il direttore della pubblica istruzione, Gaetano Giorgini, apportò la più importante riforma dell'Università di Pisa innalzando il numero di facoltà a sei (teologia, diritto, letteratura, medicina, matematica e scienze naturali) e creò il primo al mondo presidente dell'agricoltura e dell'allevamento di pecore.Nel 1846 fu riaperta la Scuola Normale. Nel frattempo, gli ideali liberali e patriottici si stavano diffondendo all'Ateneo e un battaglione dell'Università - composto da docenti e studenti - si distinse nella battaglia di Curtatone e Montanara nel 1848 .Durante la "Seconda Restaurazione", nel 1851, Leopoldo II unì le università di Pisa e di Siena in un unico ateneo etrusco motivato in parte da ragioni economiche, ma principalmente per il controllo politico. Le facoltà di Teologia e Legge riposavano a Siena; mentre quelli di Letteratura, Medicina, Matematica e Scienze Naturali rimasero a Pisa. Dopo l'insurrezione fiorentina e la fuga del Granduca nel 1859 , una delle misure iniziali imposte dal governo provvisorio fu la restituzione alla città di Pisa del suo Studium con tutte e sei le sue facoltà.Con la nascita del Regno d'Italia , l'Università di Pisa divenne una delle più prestigiose istituzioni culturali dello stato . Tra la seconda metà del XIX e la prima metà del XX secolo insegnarono a Pisa i prestigiosi docenti: gli avvocati Francesco Carrara e Francesco Buonamici , i filologi Domenico Comparetti e Giovanni D'Ancona , gli storici Pasquale Villari , Gioacchino Volpe e Luigi Russo , filosofo Giovanni Gentile , l'economista Giuseppe Toniolo ei matematici Ulisse Dini e Antonio Pacinotti . Il primo istituto europeo di linguistica storica fu fondato a Pisa nel 1890 .Durante gli anni del fascismo, l'Ateneo di Pisa fu un centro attivo per il dibattito politico e l' organizzazione antifascista .Dopo la seconda guerra mondiale, l'Università di Pisa è tornata all'avanguardia in molti campi della conoscenza . Alle facoltà di Ingegneria e Farmacia, istituite prima della guerra, si aggiunsero Economia, Lingue e Letterature Straniere e Politica. Nel 1967 fu fondata la "Scuola Superiore di Studi Universitari e Perfezionamento S. Anna" che, insieme a "La Scuola Normale", costituì un prestigioso centro di apprendimento e insegnamento. [-]


Scuola Superiore Sant'Anna

Italia Pisa L'Aquila October 2018

Il Scuola Superiore Sant'Anna è stata fondata nel 1987 dalla fusione di due istituti: Pacinotti College e il College of Law. Si tratta di un'università pubblica dove conta il merito e il talento. Eccellenza nella formazione e nella ricerca, l'internazionalizzazione, l'interazione con il mercato del lavoro - questi sono gli obiettivi della Scuola Superiore Sant'Anna, che offre corsi di formazione post-laurea e in Economia e Scienze Manageriali, Giurisprudenza Scienze, Scienze P… [+] olitiche, Scienze Agrarie e Biotecnologie, Medicina Scienza e Ingegneria Industriale e dell'Informazione. La Scuola Superiore Sant'Anna è una comunità scientifica dove il personale accademico ei ricercatori interagiscono con gli studenti attraverso un continuo scambio di idee culturali e intellettuali. Credenziali di accreditamento e accademiche Come una università pubblica, la Scuola Superiore Sant'Anna è accreditato dal Governo italiano attraverso il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. La Scuola Superiore Sant'Anna nel mondo La ricerca effettuata presso la Scuola Superiore Sant'Anna ha portato a un numero crescente di alto livello collaborazioni internazionali. Inoltre, numerosi accordi sono stati stabiliti tra Scuola Superiore Sant'Anna e varie università straniere che portano allo sviluppo di Master internazionale corsi, seminari e convegni, nonché scambi di studenti, professori e ricercatori. La Scuola Superiore Sant'Anna ha effettuato con successo forme avanzate di collaborazione scientifica e tecnologica, la creazione di Joint Research Laboratories con università e centri di ricerca all'estero. Relazioni Internazionali Una delle principali priorità della Scuola Superiore Sant'Anna è l'internazionalizzazione, che riguarda sia i curricula e collaborazioni di ricerca. Il profilo internazionale della Scuola Superiore Sant'Anna è dimostrato dall'alta percentuale di studenti provenienti da fuori d'Italia. Ci Scuola offre programmi di dottorato di ricerca e dottorati internazionali aperte a italiani, europei ed extra-europei i cittadini e corsi di laurea in collaborazione con Università italiane e straniere sia per gli studenti italiani e stranieri. I programmi internazionali includono Masters internazionali, tra cui un programma Erasmus Mundus. Il Di Scuola Superiore Sant'Anna Relazioni Internazionali sono organizzati attraverso convenzioni internazionali con prestigiose università e centri di ricerca. Questi includono la maggior parte dei settori scientifici e, coinvolgono l'insegnamento, la ricerca e la mobilità degli studenti. La Scuola Superiore Sant'Anna promuove l'internazionalizzazione, incoraggiando i suoi studenti a studiare all'estero con le scuole estive e stage-lungo termine. Posizione I principali edifici del Scuola Superiore Sant'Anna si trovano nel cuore di Pisa, all'interno di un monastero benedettino del XIV secolo che è stato completamente restaurato e trasformato in un moderno campus: comprende due sale principali conferenze, una biblioteca, un laboratorio linguistico, molti uffici amministrativi e sale docenti, un computer camera e diverse residenze di laurea. La Scuola Superiore Sant'Anna possiede anche altri edifici che ospitano gli istituti e le numerosi laboratori, centri di ricerca, e il personale amministrativo. [-]