Lauree di secondo livello in Pedagogia in Italia

Guarda i Master in Pedagogia in Italia 2017

Pedagogia

Un master viene conferito agli studenti che hanno completato studi universitari di secondo livello in uno specifico campo o area di pratica professionale dimostrando un alto livello di competenza.

Nella sua accezione più ampia, l'istruzione può essere definita come qualsiasi esperienza formativa che abbia qualche effetto su un individuo. Di conseguenza l'istruzione può influenzare il modo in cui l'individuo, o lo studente, pensa, sente o agisce. Nel campo educativo "pedagogia" è un termine importante che si riferisce alla metodologia di insegnamento.  

Italia, ufficialmente Repubblica Italiana, è una Repubblica parlamentare unitaria all'interno dell'Unione europea, che si trova nel Sud Europa. A nord, confina con Francia, Svizzera, Austria, Slovenia e lungo le Alpi.

Le migliori Lauree di secondo livello in Pedagogia in Italia 2017

Ulteriori informazioni

Master In Leadership Educativa, Gestione E Tecnologie Emergenti

Marconi University
Campus A tempo pieno 12 mesi October 2017 Italia Roma

Il Master in Leadership educativa, di gestione e tecnologie emergenti risponde alla importante processo di innovazione di insegnamento / apprendimento teoria e pratica, fornendo una formazione completa per gli educatori e gli amministratori che influenzano e gestire il cambiamento organizzativo a vari livelli nel sistema educativo di oggi. [+]

I migliori Master in Pedagogia in Italia 2017. Il Master in Leadership educativa, di gestione e tecnologie emergenti risponde alla importante processo di innovazione della didattica / teoria e la pratica dell'apprendimento, fornendo una formazione completa per gli educatori e gli amministratori che influenzano e gestire il cambiamento organizzativo a vari livelli nel sistema educativo di oggi. Il Master è stato progettato per coloro che cercano ruoli come leader nel campo dell'istruzione, esponendoli a ricerca e la pratica innovativa nella leadership, gestione e amministrazione delle istituzioni scolastiche. Corso tenuto da professionisti esperti e ricercatori attivi nel settore, il Master integra la teoria e la pratica, permettendo ai laureati di acquisire competenze accademiche e pratiche nella comunicazione orale, problem solving, il pensiero critico e di team building. Uno studente è concesso un master dopo aver difeso con successo la sua tesi finale davanti ad una giuria. La valutazione si basa su una scala da 0-110; 66 è il passaggio di grado e gli studenti che ottengono il massimo dei voti su 110 possono essere rilasciati anche 'con lode' (110 e lode). La tesi finale del programma del Master, destinato a valutare la preparazione e le competenze dello studente tecnico, scientifico e professionale, richiede il completamento, la discussione e la presentazione di un progetto di lavoro scritto durante la tesi di laurea. Corsi LEADERSHIP e gestione del cambiamento COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO PERSONE E PROJECT MANAGEMENT STRUTTURA DEI SISTEMI EDUCATIVI TEORIE APPRENDIMENTO PERMANENTE progettazione didattica ADVANCED E-LEARNING strategie e ambienti multimediali PER L'APPRENDIMENTO AMBIENTE OPERATIVO IN FORMAZIONE PERMANENTE E-LEARNING e umanistiche obiettivi formativi Alla fine di questo programma, lo studente sarà in grado di: Sfruttate le più comuni, le tecnologie emergenti interattive e multimediali, come l'integrazione di attività educative; Dimostrare una consapevolezza critica delle forze complesse che incidono sulla leadership e di gestione nelle organizzazioni; Sviluppare una solida comprensione e l'apprezzamento delle questioni attuali in leadership e di gestione; Esporre un maggiore apprezzamento delle forze e dei valori che lo sviluppo delle politiche impatto e l'attuazione in materia di istruzione e formazione; Contribuire ad un livello rialzato di performance manageriale all'interno di istruzione e altri servizi umani. Risultati e profilo professionale Istruzione e Higher Education manager Direttore dell'unità di e-learning o progetti dell'amministrazione scolastica pubblica responsabile della formazione aziendale Direttore Gestione Ricreazione amministratore di politica educativa [-]

CdL magistrale Scienze pedagogiche

Università degli Studi di Bergamo
Campus A tempo pieno October 2017 Italia Bergamo

Il corso di Laurea magistrale in Scienze pedagogiche sviluppa e potenzia i contenuti culturali e gli obiettivi formativi appresi da studenti/sse dei corsi di Laurea triennale in Scienze dell'educazione, Filosofia, Servizio sociale, Psicologia. È molto utile anche per laureati/e non a ciclo unico in Giurisprudenza e per laureati/e in Economia o Scienze politiche che intendono specializzarsi nel... [+]

OBIETTIVI FORMATIVI Il Corso di laurea magistrale in Scienze pedagogiche offre la possibilità di optare fra due indirizzi: Vulnerabilità sociale e marginalità Formazione e lavoro Il corso si propone nel suo complesso di formare figure professionali in grado di analizzare, progettare, gestire e dirigere i processi educativi e formativi complessi rispettivamente attivati nei servizi pubblici e privati volti alla persona o al lavoro. DESTINATARI Il corso di Laurea magistrale in Scienze pedagogiche sviluppa e potenzia i contenuti culturali e gli obiettivi formativi appresi da studenti/sse dei corsi di Laurea triennale in Scienze dell'educazione, Filosofia, Servizio sociale, Psicologia. È molto utile anche per laureati/e non a ciclo unico in Giurisprudenza e per laureati/e in Economia o Scienze politiche che intendono specializzarsi nel campo professionale dei servizi formativi interni ed esterni alle aziende pubbliche e private e nei servizi al lavoro attualmente previsti dalla normativa. ASPETTI CARATTERIZZANTI La Laurea magistrale mira nel suo insieme alla promozione delle seguenti competenze: progettare, realizzare e verificare interventi di sviluppo e di miglioramento della funzionalità pedagogica esistente in istituzioni, organizzazioni e servizi coordinare, realizzare e valutare interventi formativi nelle dimensioni formali, non formali e informali delle pratiche educative, avvalorando il contributo delle risorse sociali di rete e le nuove tecnologie della comunicazione riconoscere, valutare e certificare le competenze maturate dai soggetti in situazioni non formali e informali di apprendimento, di vita e di lavoro conoscere e applicare gli strumenti metodologici di tipo qualitativo e quantitativo necessari per lo studio, la progettazione e il monitoraggio di interventi formativi nelle comunità e nelle imprese, mediando fra saperi esperti e pratiche correnti coordinare e supportare gli/le operatori/trici degli interventi educativi e formativi nell'individuazione delle situazioni di difficoltà organizzativa, relazionali e tecnico-didattiche di origine individuale, sociale o culturale e nelle modalità con cui affrontarle lungo l'intero arco di vita, valorizzando il rapporto mente-natura, la sostenibilità e le pratiche che da essa derivano, l'attenzione agli stili di vita, ai consumi, alle risorse storiche, artistiche, paesaggistiche, sociali e partecipative operare nell'ecologia della relazione e della formazione sociale con gli approcci e le tecniche della partecipazione, della mediazione, della cooperazione e della facilitazione, in un'ottica di prevenzione e di inclusione, sensibile ai temi delle differenze e delle marginalità in tutte le età della vita. INDIRIZZO VULNERABILITÀ SOCIALE E MARGINALITÀ: PROFILO PROFESSIONALE L'indirizzo Vulnerabilità sociale e marginalità mira alla promozione delle figure dello/a psicopedagogista e del/la consulente pedagogico/a, figure professionali capaci di leggere e interpretare i problemi dei processi educativi nella società contemporanea caratterizzata dalla globalizzazione, dall'irruzione delle nuove tecnologie della comunicazione e dall'avvento di nuove forme della marginalità sociale e personale. Inoltre, si propone l'attivazione e il sostegno degli interventi di orientamento, tutorato, genitorialità e delle reti di supporto sociale e culturale, operando anche in contesti di comunità e/o scolastici, in collaborazione con le altre competenze professionali istituzionali e non istituzionali previste dalla normativa. INDIRIZZO FORMAZIONE E LAVORO: PROFILO PROFESSIONALE L'indirizzo Formazione e lavoro mira alla promozione delle figure del Consulente per la formazione e dell'Esperto per i servizi al lavoro. Anche come professionista autonomo/a o associato/a in cooperative, la prima figura opera prevalentemente nelle imprese e nelle istituzioni per i temi della formazione in ingresso e continua del personale, per la riconversione professionale e per la riqualificazione educativa delle organizzazioni private e pubbliche; le seconda figura assicura alle imprese pubbliche e private, ma anche alle istituzioni scolastiche, la consulenza relativa alla progettazione, alla gestione e alla valutazione dei processi formativi connessi agli apprendistati, ai tirocini e agli stage; alla formazione specifica o di sistema dei tutor aziendali e scolastici; all'organizzazione delle attività di alternanza scuola-lavoro in una prospettiva interistituzionale e territoriale e di tutte le competenze relative all'orientamento, al placement e al matching tra domanda e offerta di lavoro oggi svolte dalle agenzie per l'impiego e dalle istituzioni scolastiche e universitarie. MATERIE CARATTERIZZANTI Pedagogia del lavoro Valutazione e certificazione delle competenze Pedagogia della marginalità Pedagogia dei diritti umani Pedagogia speciale Scienze della globalizzazione Sociologia dell'educazione Sociologia dei fenomeni collettivi Psicopedagogia SBOCCHI OCCUPAZIONALI E PROFESSIONALI Il corso prepara allo svolgimento in forma autonoma, coordinata o subordinata delle responsabilità professionali di: Coordinatore/trice di servizi socio educativi territoriali Psicopedagogista Consulente pedagogico/a Specialista della gestione dei processi di formazione e aggiornamento nella pubblica amministrazione o nelle reti di imprese private Specialista in risorse umane Specialista nell'organizzazione formativa del lavoro e nei processi di formazione e aggiornamento sul lavoro Specialista nei processi di riconoscimento, valutazione e certificazione delle competenze Docente dell'istruzione e formazione professionale secondaria (Cfp) e superiore (Its, Ifts) Specialista dei processi di alternanza scuola lavoro e nell'organizzazione formativa degli apprendistati, dei tirocini e degli stage Consigliere/a dell'orientamento e del placement Direttore/trice didattico/a di asili nido e di altri servizi per l'infanzia (ludoteche pedagogiche, cooperative per Tagesmutter, per l'assistenza educativa ospedaliera ecc.) MODALITÀ DI ACCESSO Accedono direttamente al Corso di laurea magistrale in Scienze pedagogiche gli studenti che abbiano acquisito una laurea triennale di primo livello in Scienze dell'educazione e della formazione (L-19). Accedono altresì i laureati in Filosofia (L-5), Scienze e tecniche psicologiche (L-24), Servizio sociale (L-39), Sociologia (L-40), Economia (L-33), Giurisprudenza (L-14), Storia (L-42) o nelle corrispondenti classi di laurea previste dal DM 509/99 con almeno 10 crediti in area pedagogica, che possono essere verificati anche tramite colloquio individuale. [-]

CdL magistrale Lingue e letterature europee e panamericane

Università degli Studi di Bergamo
Campus A tempo pieno October 2017 Italia Bergamo

I laureati del corso di Laurea magistrale in Lingue e letterature europee e panamericane potranno trovare occupazione, sia a livello tecnico-operativo che a livello dirigenziale, nell'ambito delle strutture pubbliche e private, in particolare nei... [+]

I migliori Master in Pedagogia in Italia 2017. OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI Integrare e specializzare la conoscenza di: due letterature straniere (europee e panamericane) due lingue straniere (è previsto un laboratorio dedicato alla traduzione letteraria e saggistica). Questi insegnamenti vengono impartiti nelle rispettive lingue straniere. Obiettivi del percorso "Didattiche e metodologie" (in lingua italiana) Approfondire le conoscenze storiche, filologiche e linguistiche Acquisire competenze metodologiche e didattiche. Il percorso consente l'accesso ai Tirocini Formativi Attivi (TFA) attualmente richiesti per l'insegnamento, previo superamento della prova di ammissione. Obiettivi del percorso "Literary and Cultural Studies" (alcuni insegnamenti sono impartiti in lingua inglese) Affinare le capacità comunicative, espressive e argomentative negli ambiti della critica letteraria e culturale, dell'analisi e della interpretazione dei prodotti artistici, letterari e culturali. Entrambi i percorsi permettono di accedere ai concorsi per l'ammissione alle Scuole di Dottorato. Per favorire le possibilità di esercitare individualmente e concretamente le conoscenze acquisite, e la possibilità di applicarle in ambito lavorativo / professionale, il corso prevede la frequenza di laboratori interni e/o stage presso istituti di cultura, case editrici, redazioni di riviste specializzate italiane o straniere, scuole medie inferiori e superiori. Sono previste aree di approfondimento negli ambiti degli studi panamericani, degli studi comparatistici europei, arricchiti dalla prospettiva italianistica, e glottodidattica-semiotica indispensabili per accedere all'insegnamento delle lingue e delle letterature straniere. SBOCCHI OCCUPAZIONALI E PROFESSIONALI I laureati del corso di Laurea magistrale in Lingue e letterature europee e panamericane potranno trovare occupazione, sia a livello tecnico-operativo che a livello dirigenziale, nell'ambito delle strutture pubbliche e private, in particolare nei settori: della formazione e dell'insegnamento della traduzione di testi letterari a livello elevato della consulenza linguistica e culturale nello spettacolo e nella comunicazione multimediale. Più specificamente, il corso prepara alle professioni di: Interpreti e traduttori a livello elevato Linguisti e filologi Redattori di testi per la pubblicità Revisori di testi Ricercatori, tecnici laureati nelle scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico artistiche Specialisti delle pubbliche relazioni, dell'immagine e professioni assimilate Direttori artistici Consiglieri dell'orientamento Insegnanti di Lingue (accesso al percorso formativo). PERCORSI DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LINGUE E LETTERATURE EUROPEE E PANAMERICANE Didattiche e metodologie (in lingua italiana - dall'a.a. 2015/16) Literary and Cultural Studies (alcuni insegnamenti sono impartiti in inglese - dall'a.a. 2015/16) Precedenti indirizzi Europeo (fino all'a.a. 2010/11) Metodologico-didattico (fino all'a.a. 2010/11) Panamericano (fino all'a.a. 2010/11) CONOSCENZE RICHIESTE PER L'ACCESSO A. Requisiti curriculari Possono accedere al corso di Laurea magistrale coloro che abbiano conseguito un diploma di Laurea triennale (180 cfu) in Italia o all'estero e che abbiano conseguito nei settori disciplinari sotto elencati i seguenti cfu: lingue straniere, o eventuali competenze linguistiche analoghe da accertare nel colloquio di ammissione: 25 per ogni lingua - totale 50 cfu (L-LIN/04, L-LIN/07, L-LIN/12, L-LIN/14, L-LIN/21) letterature straniere: 20 per ogni letteratura - totale 40 cfu (L-LIN/03, L-LIN/05, L-LIN/06, L-LIN/10, L-LIN/11, L-LIN/13, L-LIN/21) area storica: 10 cfu (M-STO/04 o SPS/05) area filologica / linguistica: 10 cfu (L-FIL-LET/09, L-FIL-LET/15, L-LIN/21, L-LIN/01, L-LIN/02) letteratura italiana: 5 cfu (L-FIL-LET/10, L-FIL-LET/11). Rappresenta inoltre un requisito di ammissione la conoscenza di base anche operativa degli strumenti informatici, accertata attraverso il conseguimento di almeno 5 cfu nel settore INF-01. Nel caso di un numero di crediti inferiore a quelli indicati, durante il colloquio di ammissione gli studenti dovranno dimostrare l'equivalenza delle loro competenze con i crediti richiesti. B. Requisiti culturali Sono requisiti culturali per l'ammissione, oltre le competenze disciplinari previste dai requisiti curriculari, la capacità di comprendere, rielaborare sinteticamente (in lingua italiana e nelle lingue straniere studiate) discorsi scritti e orali anche di tipo teorico e metadiscorsivo, la capacità di raccogliere e selezionare informazioni pertinenti al proprio oggetto di studio e/o ricerca, sia attraverso ricerche bibliotecarie che via internet. La verifica del possesso della preparazione personale richiesta avverrà mediante colloquio orale come stabilito all'interno del Regolamento didattico AVVERTENZA: tutti gli studenti che intendano iscriversi al corso di laurea in Lingue e letterature europee e panamericane sono tenuti a presentarsi al colloquio previsto nel mese di settembre (la data esatta è indicata in Approfondimenti > Avvisi e documenti). Anche gli studenti che, rispetto ai requisiti di ammissione, abbiano non più di 15 cfu di debito (di cui non più di 5 per ogni disciplina) si presenteranno al colloquio nel mese di settembre e verranno invitati in quell'occasione, verificati i loro requisiti, a ritornare al successivo colloquio nel mese di dicembre, previo precedente contatto con i docenti referenti delle discipline per le quali vanno colmati i debiti, al fine di concordare il programma previsto per la verifica. È comunque consentita la frequenza ai corsi della laurea magistrale tenuti nel periodo precedente al colloquio di dicembre. Coloro che, pur laureati, non posseggono i requisiti curriculari richiesti, potranno inizialmente iscriversi a corsi singoli e - nell'a.a. successivo - immatricolarsi al corso di laurea magistrale, chiedendo la convalida degli eventuali crediti formativi acquisiti in aggiunta a quelli necessari per integrare il requisito mancante. LABORATORI DIDATTICI Il corso di laurea propone ogni anno alcuni laboratori didattici nell'ambito dell'offerta di Laboratori didattici LM e un Laboratorio dedicato dal titolo "Usi, scopi e funzioni della traduzione letteraria e saggistica nella formazione umanistica" che si prefigge di introdurre gli studenti ai problemi della traduzione in campo letterario e critico. Alla teoria si affianca una parte pratico-applicativa, in cui gli studenti si eserciteranno nella traduzione di testi della lingua e letteratura che hanno scelto. TIROCINI Sono periodi di formazione professionalizzante che possono essere effettuati come attività complementare o alternativa ai laboratori didattici. Il Corso di laurea magistrale in Lingue e letterature europee e panamericane mantiene numerosi contatti con aziende e istituzioni del territorio, nonché con enti e organizzazioni internazionali con i quali l'Ateneo ha stabilito convenzioni. L'esperienza di tirocinio permette non solo di maturare una conoscenza diretta delle mansioni e problematiche proprie del contesto lavorativo selezionato, ma anche di stabilire rapporti che possono condurre a successive collaborazioni. In particolare, si sottolinea come i tirocini all'estero svolti all'interno di questo corso permettano agli studenti di maturare una preparazione professionale, linguistica e culturale spendibile presso aziende e/o enti del territorio. Gli studenti possono trovare altre informazioni nella sezione Campus e servizi > Servizi per gli studenti > Orientamento > Tirocini - orientamento in itinere. [-]