Filter
Lauree di secondo livello
Italia Tipo di studio: Tutti Ritmo: Tutti

Guarda i Master in Management dell'industria creativa in Italia 2019/2020

Un Master è un titolo accademico rilasciato a persone che denotano con successo un livello superiore di competenza. Ci sono due tipi principali di Maestri - insegnati e della ricerca.

gestione industrie creative si concentra sulla leadership all'interno del mondo dell'arte e dello spettacolo. soggetti correlati possono includere la gestione, tendenze del settore, marketing, amministrazione, e gli studi culturali, nonché la formazione tecnica e artistica.

Italia, ufficialmente Repubblica Italiana, è una Repubblica parlamentare unitaria all'interno dell'Unione europea, che si trova nel Sud Europa. A nord, confina con Francia, Svizzera, Austria, Slovenia e lungo le Alpi.

Le migliori Lauree di secondo livello in Management dell'industria creativa in Italia 2019/2020

Ulteriori informazioni Leggi meno

1 Risultati in Management dell'industria creativa, Italia

Altre opzioni in questo settore di studio:
Sida Group Management Academy

La complessità e la rapidità dei cambiamenti in atto nell’ecosistema culturale e creativo richiedono capacità di interpretazione del contesto, padronanza di metodi e str ... [+]

Contesto

La cultura è uno dei motori primari della nostra economia. La cultura è fatta di musei, archeologia, festival, letteratura, cinema, performing arts, ma anche di industrie creative e made in Italy: attività produttive che non rappresentano in sé un bene culturale, ma che dalla cultura traggono linfa creativa e competitività. Come il design, l’architettura e la comunicazione sono industrie creative che veicolano contenuti e innovazione nel resto dell’economia dando vita ad una cerniera in cui si situa la produzione creative-driven, che va dalla manifattura evoluta all’artigianato artistico. Al Sistema Produttivo Culturale e Creativo si deve il 6,1% della ricchezza prodotta in Italia: 89,7 miliardi di euro. La cultura ha sul resto dell’economia un effetto moltiplicatore pari a 1,8: per ogni euro prodotto dalla cultura, se ne attivano 1,8 in altri settori. Gli 89,7 miliardi, quindi, ne “stimolano” altri 160,1, per arrivare a quei 249,8 miliardi prodotti dall’intera filiera culturale, il 17% del valore aggiunto nazionale, col turismo come principale beneficiario di questo effetto, volano. Il Sistema Produttivo Culturale (da solo, senza considerare i posti di lavoro attivati negli altri segmenti della nostra economia) dà lavoro a 1,5 milioni di persone, il 6,1% del totale degli occupati in Italia.... [-]

Italia Roma Milano
Novembre 2019
Tempo pieno
140 ore
Campus